Attualità»

Galleria Nico Calaresu ci ha lasciato un anno fa.

NicoIl ricordo di Salvatore Faggiani

Caro Nico,
è passato un anno da quel pomeriggio uggioso e freddo quando un amico in comune, Cristian, mi informava che ci avevi lasciato! Come sai proprio quel pomeriggio io e Cristian dovevamo venire a trovarti, ma non certo per piangere la tua dipartita. Non ho potuto salutarti, non ho avuto il tempo di prepararmi ad un distacco così doloroso, tanto da sentirlo anche fisicamente perché ho perso un amico. Un AMICO vero, sincero, leale come sei stato tu. Ma l’amicizia rimane e diventa un accumularsi di ricordi belli e gioiosi che solo un rapporto solido e altruistico può dare e fare. E’ passato un anno e ci manchi a tutti, ai più grandi e ai più piccoli, alla tua famiglia, agli amici di sempre e a quelli conosciuti da poco. Manca soprattutto la tua sincerità, il tuo modo di vedere la vita e di affrontare il mondo, la tua serietà che diventava simpatia all’occorrenza; manca di te il tuo essere amico e confidente, il tuo essere custode prezioso di tanti nostri segreti in particolare quelli riguardanti il canottaggio. Si il canottaggio, uno sport che sei riuscito a farmi amare e che tu con la tua “banda” di ragazzi/e, così definivi i tuoi atleti grandi e piccoli, sei riuscito a strapparmi tantissime lacrime di gioia per i notevoli e numerosi successi sportivi conquistati. Forse non tutti i maddalenini sanno che fra tutti gli allenatori, di qualsiasi disciplina sportiva, che hanno operato a La Maddalena nessuno ha vinto quanto te. Hai fatto conoscere ed apprezzare La Maddalena in tutti i campi di regata italiani dove la tua banda di ragazzi/e ha gareggiato e vinto. E io ti dico GRAZIE amico mio per tutto questo, anche a nome della tua “banda” di atleti che anche per merito dei tuoi insegnamenti, soprattutto educativi, ora sono delle persone adulte mature e pronte ad affrontare la vita con prospettive giuste e ambiziose. GRAZIE per quei sei anni trascorsi in giro per l’Italia con i nostri atleti piccoli e grandi e per aver condiviso sorrisi e lacrime di gioia, opinioni e pensieri differenti, a volte anche in maniera forte, ma nonostante tutto non ci siamo mai allontanati: tu c’eri per me quando io ne avevo bisogno e io c’ero per te quando tu avevi bisogno del mio sostegno. Un amico come te non si dimentica, un amico come te si ricorda sempre perché sono quelli come te a rendere bella l’amicizia, a far sentire speciali le persone che amano, a dar valore anche alla singola ora trascorsa assieme. Un amico come te insomma è per sempre. Ciao Nico ti voglio bene.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - foto di Antonello Sagheddu

I commenti sono disabilitati

Non è possibile inviare un commento in questo articolo

Pubblicità