Attualità»

Galleria Caprera: multe e divieti mentre a Punta Rossa…

PUNTA ROSSA okDi Antonello Sagheddu
Prima di iniziare il nostro articolo-segnalazione ringrazio pubblicamente tutti coloro che ogni santo giorno inviano foto e segnalazioni a Liberissimo che prontamente vengono girate a chi di competenza. Siete tantissimi e vi ringrazio di cuore. Continuate a farlo.
Prendiamo spunto dalla foto che ci ha inviato uno dei nostri attenti osservatori, Mauro Ugo (grazie mille), che ci riporta indietro nel passato quando circa dieci anni fa, sempre dietro a una voce di piazza, avevamo segnalato alcune vergogne registrate a Caprera (tutta), in particolare a Punta Rossa. Sono trascorsi molti anni ma sembra che la musica sia sempre la stessa: si continua a cannibalizzare il sito o a distruggerlo.
La storia dei nostri soldati distrutta grazie all’indifferenza di tutti. Senza andare molto lontano nel tempo ricorderete le autorizzazione date a architetti che erano arrivati a riempire capannoni di alghe e lumini, intrecci di lenze sulle postazioni o sedili bloccati anche con il cemento e perni, oppure le vecchie barche appese a Porto Palma. Tutto ciò sta a significare che sono tutti pronti nell’apparire in manifestazioni, stampa o Tv ma quando si tratta di proteggere la propria terra preferiscono impedire, vietare o multare, è molto più semplice.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - foto di Antonello Sagheddu

I commenti sono disabilitati

Non è possibile inviare un commento in questo articolo

Pubblicità